Ribera (Ag): assenteismo in ospedale, 34 denunciati

Trentaquattro persone tra medici, infermieri e personale sanitario dell’ospedale Parlapiano di Ribera (Ag) sono stati denunciati per assenteismo dalla guardia di finanza. Per sette di loro è stato disposto l’obbligo di firma.

I reati contestati vanno dalla truffa ai danni di un ente pubblico, peculato, interruzione di pubblico servizio e false certificazioni.

I denunciati, secondo quanto scoperto dalle fiamme gialle di Sciacca, coordinate dal capitano Luigi Carluccio, avevano messo in piedi un vero e proprio sistema. Tutti gli indagati fingevano di essere al lavoro timbrando il cartellino, salvo poi sbrigare commissioni o assolvere ad impegni familiari.

Sono state accertate timbrature cumulative dei cartellini per coprire l’abituale allontanamento di dipendenti e dirigenti medici. Questi ultimi ritornavano tranquillamente a casa propria o si dedicavano ad altre attività.

Una delle dipendenti indagate andava regolarmente a fare la spesa durante l’orario di lavoro. Un’altra, invece, andava dal parrucchiere abitualmente quando era di turno.

I maggiori illeciti venivano effettuati dal personale impiegato in servizi esterni, appartenenti a quasi tutte le categorie ospedalieri. Le fiamme gialle hanno verificato che, in alcuni casi, personale impegnato in visite fiscali, in realtà compilavano il referto della visita senza procedere all’ispezione. A volte non venivano nemmeno contattati i pazienti. In questo modo veniva vanificata la funzione della visita fiscale, maturava indebitamente il diritto alle indennità previste per le visite mediche domiciliari. E i medici e il personale andava tranquillamente al bar, dal parrucchiere, a fare la spesa o a casa.

Un sistema, questo, che ha permesso agli indagati di percepire indebitamente indennità accessorie allo stipendio per prestazioni domiciliari effettuate in giorni di assenza dal lavoro o di percepirne di ulteriori rispetto ai servizi effettivamente resi.

Altra forma di assenteismo è quella rilevata nei confronti del personale del 118. Alcuni operatori del servizio, a volte interi equipaggi in servizio di pronta reperibilità, si allontavano periodicamente addirittura con l’ambulanza per fare la spesa.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi