Catania: Campisi e Patella, “riqualificare l’intero lungomare”

Riqualificare tutto il lungomare di Catania e un tavolo tecnico permanente per monitorare la situazione. Sono queste le richieste avanzate dai consiglieri comunali della municipalità di Picanello-Ognina-Barriera-Canalicchio, Alessandro Campisi e Adriana Patella in vista della stagione estiva ormai arrivata.

“Occorre un piano di rilancio – dichiarano i due consiglieri – che preveda manutenzioni costanti e strutturali da piazza Mancini Battaglia a piazza Europa.

Il lavoro che l’amministrazione sta svolgendo – proseguono i consiglieri – è notevole, ma le associazioni e i comitati del territorio chiedono uno sforzo maggiore per recuperare l’intera area.

Restituito il munumento ai caduti – continua campisi – bisogna fare altrettanto con le piazze del viale Artale D’Alagona e del viale Ruggero di Lauria transennate da anni e con le protezioni quasi completamente arrugginite. Precauzioni che dovevano essere temporanee e che, in realtà, restano lì da troppo tempo con le conseguenze facilmente immaginabili per chiunque. Non solo, nonostante i cartelli di divieto, in molti scavalcano le transenne e si mettono a pescare in una zona estremamente pericolosa”.

Oltre alle piazze, al centro delle segnalazioni dei due consiglieri ci sono anche le Garitte Spagnole usate come bagni, i bivacchi per senza tetto, piazza Europa gravemente danneggiata e la presenza di prostitute in piazza Mancini Battaglia e tra piazza Europa e viale Africa.

“Proprio davanti a dove sta sorgendo il solarium di Ognina- dichiara la consigliera Adriana Patella- turisti e bagnanti non possono fare a meno di notare le pessime condizioni in cui si trova la torre di avvistamento antica di secoli.

Un patrimonio della città che non ferma vandali e maleducati. Inoltre, all’interno di una vecchia centralina, proprio sotto piazza Europa, ci sono dei locali trasformati in bivacchi di fortuna da poveri disperati che si sono costruiti perfino una cucina provvisoria. Cosa succederebbe se queste sale, piene di vecchi stracci e materassi, prendessero fuoco?

Per tutte queste ragioni chiediamo oggi a istituzioni politiche ed enti sociali di creare un tavolo tecnico permanente affinchè il lungomare della città ritorni ad essere, nella sua totalità, il fiore all’occhiello di Catania”. 

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...