Caltanissetta: il convivente la minaccia con il cutter, arrestata

Percossa e minacciata con un cutter dal convivente, riesce a comporre il 113 lasciando la comunicazione aperta. Il poliziotto della sala operativa, ascoltando urla e trambusto, coglie la richiesta d’aiuto e individua l’abitazione. È stato arrestato così a Caltanissetta il 39enne Gianluca Di Giugno, sottoposto a detenzione domiciliare.

Dovrà rispondere di flagranza di reato di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali gravi nei confronti della propria convivente. Nel pomeriggio di ieri, intorno alle 14.00, una pattuglia della sezione volanti, su disposizione della sala operativa, è intervenuta presso l’abitazione di una famiglia nissena poiché era stata segnalata una lite in famiglia.

Poco prima, al numero di emergenza 113, era pervenuta una chiamata con l’interlocutore muto. Il poliziotto in servizio alla centrale operativa della Questura, invece di riagganciare, si metteva in attento ascolto carpendo le urla e il trambusto provenire dall’altra parte della cornetta, cogliendo la richiesta d’aiuto e individuando l’esatto indirizzo dell’abitazione. Ai poliziotti giunti nell’abitazione, ha aperto Di Giugno Gianluca, attualmente sottoposto a detenzione domiciliare e gravato da numerosi pregiudizi di polizia per reati concernenti gli stupefacenti, rapina, furto, detenzione di armi ed altro, il quale con aria stupita ha fatto intendere agli agenti che non era accaduto nulla.

Contestualmente alle spalle del Di Giugno l’attenzione dei poliziotti è stata richiamata da una donna esile in lacrime con il volto tumefatto, il setto nasale gonfio e i vestiti sporchi di sangue. Gli agenti hanno quindi fatto irruzione nell’abitazione bloccando il Di Giugno. La donna ha raccontato ai poliziotti che poco prima del loro arrivo, mentre si trovava in cucina, era stata aggredita dal proprio convivente il quale, senza alcun apparente motivo, iniziava a colpirla violentemente con schiaffi e pugni al volto.

La donna cercava di sfuggire alla violenza dell’uomo ma era raggiunta in altre parti dell’abitazione e percossa. Approfittando di un momento di distrazione dell’aggressore la donna riusciva a comporre il 113, e pur non potendo parlare poiché raggiunta dal convivente, lasciava la comunicazione aperta che consentiva alla Polizia di udire quando stava accadendo. La donna è stata condotta all’ospedale Sant’Elia, dove è stata sottoposta a cure mediche, riportando una frattura scomposta alle ossa del setto nasale, con prognosi di 30 giorni.

Di Giugno è stato condotto in Questura agli arresti, sottoposto a rilievi foto dattiloscopici presso la Polizia Scientifica e, su disposizione del P.M. portato al carcere di Malaspina a disposizione dell’Autorità giudiziaria

Nel corso della perquisizione domiciliare al Di Giugno è stato sequestrato un cutter, col quale aveva minacciato la convivente, sette fiale di metadone e un’ingente somma di denaro. Lo stesso ha nominato quale difensore di fiducia l’avvocato Walter Tesauro del foro di Caltanissetta.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi