Pedara (Ct): “dacci i soldi o postiamo i tuoi video hard”, 2 arresti, uno è minorenne

Due giovani, fra cui uno minorenne, sono stati arrestati dai carabinieri della stazione catanese di Pedara in flagranza di reato per estorsione in concorso. Avrebbero minacciato un 37enne del luogo di postare in rete dei video “hard” se non gli avesse consegnato dei soldi. Sono stati arrestati all’atto della consegna del denaro.

L’uomo, per mesi, è stato vessato ed umiliato da un 20enne che lo aveva convinto ad avere con lui dei rapporti sessuali. Ogni incontro, però, era stato filmato di nascosto ed era diventato l’arma per ricattare la vittima ed estorcerle quasi 700 euro, già consegnati in più tranche. L’uomo era terrorizzato dalla possibilità di vedere i video postati sui social network e ha ceduto ai ricatti del suo persecutore fino a ieri mattina.

Ieri è stato contattato dal minorenne di 14 anni che era entrato nell’affare con una scaltrezza da malvivente navigato. Con frasi minacciose, di morte, accompagnate dalla solita minaccia dei video hard (telefonata registrata) gli chiedeva 600 euro in contanti. L’uomo, preso dallo sconforto, ha avvisato della situazione i carabinieri della stazione di Pedara.

Il comandante lo ha invitato ad aderire alla richiesta estorsiva precisando di stabilire bene ora e luogo della consegna. Così ad aspettare i malviventi, non c’era solo la vittima, ma anche i carabinieri. Il maggiorenne è stato condotto agli arresti domiciliari, mentre il minorenne è stato associato al centro di prima accoglienza di Catania.

Maria Chiara Ferraù

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...