Catania: raccolti rovinati dalla grandine, la Cia chiede lo stato di calamità

Gli agricoltori della Sicilia orientale stanno ancora contando i danni della grandinata di domenica scorsa. Per questo il presidente della Cia Catania ha inviato una lettera al responsabile dell’ispettorato regionale agricoltura chiedendo lo stato di calamità.

Giuseppe Di Silvestro ha infatti dichiarato che “centinaia di piante fruttifere della piana di Catania sono state danneggiate dalla violenta grandinata che si è abbattuta in città domenica scorsa, il giorno di Pasqua, rovinando quintali di raccolto.

Sono stati danneggiate sia le produzioni che le strutture con il disseccamento dei rami – spiega – abbiamo chiesto che vengano immediatamente effettuati i sopralluoghi di rito, come prevede l’attuale normativa sui danni in agricoltura, provocati da calamità naturali; che vengano accertati i danni alla produzione e alle strutture provocati dai venti sciroccali per ogni singola azienda agricola e che vengano predisposte le delimitazioni e la richiesta di calamità agli organi competenti”.

De Silvestro conclude  dicendo: “Chiediamo infine che venga convocata, con celerità, una riunione con tutte le organizzazioni professionali per verificare lo stato dell’arte dei sopralluoghi e delle delimitazioni”.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...