Libri: Tra “Zàghiri e Parmi” nel giardino di Salvo Micciché

“Con questo libro mi propongo di fare un omaggio poetico alla Sicilia, in particolare al Sudest, territorio in cui sono nato e cresciuto, con l’intento di conservare, diffondere, mantenere vivo l’interesse per il siciliano parlato, fissarlo con la scrittura affinché non si perda, volendo offrire ai più giovani un modo nuovo per conoscerlo e ai più anziani un altra maniera per ricordare le forme più desuete e arcaiche della lingua”.

Inizia così l’ulteriore viaggio poetico di Salvo Micciché (cultore di araldica e onomastica, consulente informatico, fotoreporter e direttore editoriale del quotidiano on line Ondaiblea) che, in tal modo vuole offrire “al Lettore altre poesie, ma anche una sintesi di grammatica e un glossario più ampio di quello già presente in Argu, per fornire ulteriori strumenti di lettura, di riflessione e di ricerca”.

Un volume da cui emerge di continuo il profumo della Sicilia attraverso la presenza di “zàghiri e parmi” e “àrvuli putati” (alberi potati) di eterna memoria, in uno sposalizio continuo tra natura e sensi. Un dimensione, forse, edenica, per quanto sfumata nella lontananza del sogno, quasi inaccessibile, come oggetto di nostalgico desiderio, ma che lo sciclitano Salvo Micciché delicatamente evoca attraverso i suoi versi che aprono “Zàghiri e Parmi” (Biancavela – StreetLib, 2016, pp. 152, anche in e-book nelle librerie on line), silloge poetica contrassegnata da mirabili pennellate intrise di sensibilità e animosa affabulazione dialettale. E’, forse, il giardino di casa, richiamato da fanciulleschi ricordi, a fungere da elemento trainante e viatico per questo ulteriore volume, sequel poetico del suo “Argu lu cani” (gennaio 2016).

Nei versi di Salvo si notano talora subitanei affioramenti memoriali colorati con angoli di luce, in mezzo al tripudio dell’aria, dei colori, degli alberi in fiore. E’ un palcoscenico in cui la parvenza reale del paesaggio siciliano lievita e fermenta, diventa sede di rinascenze. E’, forse, una dimensione onirica in cui ancora si percepisce una Sicilia antica ricca di agrumeti. Una “Isula” dal profumo energico di zagare i cui effluvi intensi ne rappresentano il manifesto immaginifico sensoriale.

Di qui l’immagine dei “lapuzzi” (piccole api) che, nelle reminiscenze dell’autore, mangiucchiano “nne macchiteḍḍi sucannu nèttiri friscu re çiuri cjù beḍḍi” (negli alberelli succhiando nettare fresco dai fiori più belli). Un’immagine sensoria, carica di inesausta vitalità, che dà l’idea del ronzio delle laboriose api domestiche orbitanti “nno jardinu” (nel giardino): un universo straordinario, visto come angolo di paradiso (dal latino paradisus e questo dal greco, ovvero giardino).

Le epifanie dei luoghi di Sicilia, in particolare della sua Scicli, dal sapore familiare dove le brave massaie “re cincu susuti” (alzate dalle cinque del mattino) si apprestano a “scaniari” (impastare) il pane, diventano anche crogiuolo di voci e armonia di suoni che si intrecciano, si accavallano. La voce della terra e il rumore del vento, il cui soffio modella i “çjanchi re macchi i carrua” (fianchi degli alberi di carrubo), sono elementi essenziali della campagna e del duro lavoro che scoraggia i giovani e necessita di: “rasuliari, ’nsitari, putari, tratturiari, scavari u filàgnulu, sprucchiari, spampinari” (scerbare, innestare, potare, arare, scavare il filare, sbocciolare, defogliare). Azioni che, espresse con il verbo coniugato all’infinito, danno l’impressione del movimento, del lavorio frenetico e incessante della campagna. Un mestiere antico, quello del contadino, che rispetta la natura con l’utilizzo dello “zappuni” che “stocca i vurazza ma jìnchia la ucca” (spezza le braccia ma riempie la bocca).

La silloge, impreziosita da un ricco compendio di grammatica della lingua siciliana e da un’articolata bibliografia, è un esempio di come si possa miscelare la cultura di uno spicchio (la Sicilia della zona iblea) di Italia con la naturalezza del raccontare e raccontarsi in versi. Dalla lettura di ogni poesia emerge l’amore profondo di Salvo per la sua terra e la dedica che lui fa di questo libro “ai siciliani onesti” è un po’ la dedica che può sentire per sé ogni suo conterraneo.

Giuseppe Nativo

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi