Palermo: Davide Enia è l’Odisseo di un racconto mediterraneo

Davide Enia è il protagonista di Odissea – Un racconto mediterraneo, uno spettacolo del Teatro Pubblico Ligure di Genova, che debutta nella Sala Strehler del Teatro Biondo di Palermo mercoledì 20 gennaio 2016 alle ore 21, con repliche fino a domenica 24.

Un racconto mediterraneo è un progetto itinerante, ideato e curato dal regista Sergio Maifredi, che affida l’Odissea di Omero, “prima fiction a episodi” della narrativa occidentale, alla narrazione orale di attori, scrittori e artisti di diversa esperienza.

Davide Enia interpreterà al Teatro Biondo l’XI canto, che racconta la discesa di Odisseo agli Inferi.

Per l’attore e drammaturgo palermitano, i versi di Omero diventano il pretesto per spiegare l’arte del racconto e i segreti dell’affabulazione. Richiamando diversi autori e opere e mischiando narrazione, filastrocche e cunto siciliano, Enia, in compagnia di Odisseo, ci trascinerà in un affascinante viaggio nella memoria e nell’immaginazione.

 Un racconto mediterraneo arriva a Palermo dopo il grande successo ottenuto nei teatri di tutta Italia e nei festival più prestigiosi: dal “Ravenna Festival” a “Scali a mare” di Pieve Ligure, solo per citarne un paio.

Per Davide Enia, artista acclamato in Italia e all’estero, si tratta di un ritorno alle origini, nella “sua” Palermo, così come un ritorno alle origini è l’Odissea, che proprio in Sicilia ritrova molti dei suoi luoghi letterari. L’attore si cimenterà con il canto XI, La discesa agli inferi di Odisseo, uno dei più complessi e affascinanti dell’intera opera di Omero; bellissimo e struggente, nel quale Odisseo ha la possibilità di scendere nel regno dei morti, per poi tornare nel mondo dei vivi e proseguire il suo viaggio verso Itaca.

 “L’Odissea è il momento in cui nasciamo e usiamo le parole per raccontare tutto: un viaggio, un ricordo, un amore, un dramma, una bugia – spiega Enia – e tutto questo ha origine, come sempre accade nel mondo greco, quando si va nell’aldilà. Quella di Odisseo agli Inferi è una iniziazione, e il racconto e l’uso strumentale delle parole ne sono i frutti”.

“Ringrazio Roberto Alajmo – dice il regista Sergio Maifredi – per aver voluto il mio progetto al Biondo, un racconto che inchioderà il pubblico alle poltrone in un silenzio sacrale, per riportare il teatro al rito dello stare insieme ad ascoltare la magia della parola”.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi