Chiaramonte Gulfi (Rg): quindicenne pestato e prigioniero tutta la notte

Dopo diverse ore in cui è rimasto segregato e prigioniero di due uomini di 36 e 40 anni, un ragazzino di 15 anni è stato trovato ferito e dolorante alla stazione degli autobus. Il ragazzino aveva il naso, un dito della mano e alcune costole rotte. Il tutto per estorcere l’indirizzo di casa di due amiche dell’adolescente, anche loro minorenni, avvistate al bar di Chiaramonte GUlfi, nel ragusano, poco prima e diventate oggetto dei deliranti desideri dei due uomini.

La polizia, con l’accusa di sequestro di persona aggravato e lesioni personali, ha arrestato il 36enne Diego Riccobono e il 40enne algerino Rachid Bettanbghot. Un 25enne romeno è indagato a piede libero.

Gli agenti hanno iniziato a cercare il ragazzino dopo la segnalazione di un familiare del giovane che ne ha denunciato la scomparsa. Nel bar dove si sarebbe verificata la lite, si trovavano gli arrestati e il gruppetto dei giovanissimi fra cui la vittima di oggi. Secondo una prima ricostruzione, RIccobono ha iniziato a rivolgere pesanti attenzioni a due sorelle minorenni che sono state immediatamente difese dagli amici. Dopo qualche insulto il 36enne si è allontanato dall’esercizio commerciale.

Poco dopo, però, l’uomo è ritornato nel bar, portandosi altri due amici, senza ritrovare il gruppetto di minorenni. L’unico ad essere rimasto nell’esercizio commerciale era la vittima. I tre hanno iniziato a colpire con calci e pugni il ragazzino scaraventandolo a terra. dopo un primo pestaggio, il minore sarebbe stato caricato in macchina e minacciato per ottenere l’indirizzo di casa delle due sorelle, oggetto del suo desiderio inopportuno.

L’adolescente non avrebbe mai svelato l’indirizzo delle due amiche e diverse ore dopo, vedendo che il giovane non voleva cedere alle richieste dei malfattori, i malviventi lo hanno lasciato alla stazione degli autobus. Qui è stato trovato dagli agenti di una volante accasciato a terra e sanguinante intorno alle 08.30 di questa mattina.

I tre uomini coinvolti nel pestaggio e nel sequestro sono stati fermati poco dopo dagli agenti. Interrogati separatamente, hanno fornito diverse versioni dei fatti. Riccobono e Bettanbghor sono stati arrestati, mentre il 25enne è stato denunciato perché non ha effettivamente partecipato al pestaggio del quindicenne.

Maria Chiara Ferraù

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi