Catania: “Per la libertà” di Antonio Falda alla sala Magma

“Scrivo momenti. Solo istanti. Aggrovigliati nel mondo ovale”. È così che si presenta Antonio Falda, scrittore che giunge in Sicilia per presentare la sua ultima fatica letteraria: “Per la libertà – il rugby oltre le sbarre”, uno scorrevole e intenso esempio di giornalismo narrativo che racconta del rugby in carcere, con gli esperimenti di creazione di formazioni dedite alla palla ovale in corso in otto istituti penali di tutto lo stivale.

Sono storie che parlano della ricerca di riscatto e libertà, in primis di quella che fa rima con dignità e del rugby come strumento di questo percorso che è formazione, aggregazione, per molti versi rivoluzione, interiore ed esistenziale.

Falda parlerà di queste storie alla sala Magma di Catania in via Adua 3 domani a partire dalle 18.30. interverrà il professore Claudio Saita, sociologo docente dell’università di Catania, da lungo attivo nelle carceri e responsabile negli ultimi anni di un laboratorio di scrittura creativa di gruppo per i ragazzi rinchiusi nell’istituto penale minorile di Bicocca a Catania.

Nel corso della serata l’attrice catanese Letizia Tatiana Di Mauro leggerà alcuni brani tratti dal volume. Seguirà poi un dibattito moderato dal giornalista Roman Henry Clarke, addetto stampa della sala Magma e del comitato siciliano della federazione italiana rugby.

Leggerà brani tratti dal volume la nota ed apprezzata attrice catanese Letizia Tatiana Di Mauro. Seguirà dibattito. A moderare, il giornalista Roman Henry Clarke, addetto stampa della Sala Magma e del Comitato Siciliano della Federazione Italiana Rugby.

Maria Chiara Ferraù

 

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi