Tortorici (Me): la fanfara dei bersaglieri per la festa del patrono

Sarà la fanfara dei bersaglieri, sezione di Casteldaccia, a scandire alcuni importanti momenti della processione di San Sebastiano, patrono di Tortorici,(Messina) che domenica verrà festeggiato nel centro nebroideo per la terza volta nell’arco dell’anno.

I festeggiamenti in onore del patrono, però, quest’anno in via eccezionale iniziano domani sera venerdì 8 maggio con lo spettacolo musicale in programma alle 21.00 offerto dall’associazione culturale Angelo Musco. In concomitanza si svolgerà la sagra del panino con la salsiccia e prodotti tipici che sarà replicata domani, sabato 9 maggio, nella centrale piazza Zumbo.

Sabato, inoltre, si entrerà nel vivo della festa liturgica con il vespro solenne che sarà celebrato nella chiesa Madre, dedicata a Santa Maria Assunta, alle 19.00 a cui seguiranno i fuochi pirotecnici e una serata danzante con ballo liscio in piazza.

Domenica 10 maggio alle 10.00 arriverà la fanfara dei bersaglieri proveniente dal paese in provincia di Palermo e alle 10.30 ci sarà un omaggio dei bersaglieri a San Sebastiano. Seguirà la messa cantata delle 11.00 nella chiesa madre e in conclusione, sulle note dell’Inno di San Sebastiano i nudi, i devoti vestiti di bianco e a piedi scalzi, prenderanno sulle spalle il pesante fercolo e inizieranno la consueta questua per le vie del paese. Alle 16.00, poi, è prevista la partenza da piazza duomo della suggestiva processione di congedo con le donne vestite di bianco e con il capo coperto dai fazzoletti che, in due ordinate file ai margini della strada, precedono la vara con il simulacro di San Sebastiano e le reliquie. Arrivati in piazza duomo le donne si dispongono a cerchio per permettere l’ingresso del fercolo che per tre volte entrerà ed uscirà dalla chiesa. Un modo per rendere grazie a Dio per la riuscita della festa e per intercedere chiedendo le grazie affidategli dai fedeli. Al rientro del fercolo in chiesa quest’anno si potrà assistere al concerto della fanfara dei bersaglieri e poi, al termine della messa delle 18.30, al grido “Grazi’ San Bastianu Grà” la statua verrà riposta nella sua teca e verrà ripresa il 18 gennaio del 2016.

Maria Chiara Ferraù

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi