Catania: “cavallo di ritorno”, arrestati due estortori

Agenti della sezione volanti di Catania hanno arrestato Giovanni Pasqualino Di Benedetto, 29 anni e Francesco Antonino Ranno, 29 anni, entrambi incensurati. I due sono accusati di estorsione aggravata in concorso. Entrambi sono stati denunciati in stato di libertà per ricettazione in concorso e il solo Di Benedetto anche per guida senza patente perché mai conseguita.

Alle 18.00 circa, personale delle volanti, nel corso di un’attività di controllo del territorio, ha notato due individui a bordo di un motociclo in via San pio X nel rione Nesima. I due si sono fermati presso un chiosco e hanno ricevuto del denaro da una persona. Per vederci chiaro i poliziotti hanno controllato i giovani e l’uomo che aveva dato loro del denaro scoprendo il cosiddetto cavallo di ritorno.

I due arrestati avevano rubato lo scooter sul quale viaggiavano al ragazzo che gli aveva appena consegnato i soldi per avere il mezzo restituito. Tutti e tre sono stati condotti in ufficio. La vittima del furto, tramite un conoscente, era risalito a tale Giovanni, (Di Benedetto), rintracciabile al chiosco dove è avvenuto lo scambio di soldi e che era in grado di fargli ottenere indietro il mezzo rubato.

Erano stati pattuiti 100 euro per la restituzione del ciclomotore. Il piano è andato in fume per il provvidenziale intervento della polizia. Di Benedetto e Ranno, dopo le formalità di rito, su disposizion edell’Autorità giudiziaria, sono stati condotti nel carcere di Catania piazza Lanza, a disposizione dell’Autorità giudiziaria.

Maria Chiara Ferraù

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi