Vulcano (Me): sequestrati reperti archeologici

Questa mattina i carabinieri della stazione messinese di Vulcano, una delle isole Eolie, hanno sequestrato dei reperti archeologici nel corso di un’irruzione in un’abitazione dell’isola e su delega della procura della Repubblica di Barcellona pozzo di Gotto.

I militari dell’Arma hanno recuperato e sequestrato una ventina di reperti archeologici fra anfore, vasi e semplici frammenti di grande interesse e valore, non soltanto storico.

Gli esperti intervenuti ritengono che i reperti archeologici, di diversa provenienza, risalgono all’età greco-romana-italica e in particolare al III secolo a.C..

Il proprietario dell’abitazione, un sessantenne dell’isola che deteneva i reperti senza la necessaria certificazione che deve essere rilasciata dalla sovrintendenza dei beni culturali, è stato denunciato dai carabinieri per ricettazione oltre che per detenzione illegale di reperti archeologici di valore storico. I militari, infatti, sospettavano che le anfore e i vasi fossero stati trafugati dalle stive dei relitti che si trovano sui fondali dell’arcipelago eoliano.

Le anfore e i vasi, dopo essere stati catalogati e fotografati da personale del museo archeologico di Lipari, sono stati sottoposti a sequestro penale e verranno affidati a quel museo per la successiva esposizione.

Maria Chiara Ferraù

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi