Misterbianco (Ct): imponevano la “guardiania” agli agricoltori, fratelli in manette

I carabinieri della tenenza di Misterbianco, nel acatanese, hanno arrestato i fratelli Carmelo Antonio Sambataro, 54 anni e Francesco Sambataro, 52 anni, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Catania, su richiesta della locale procura che li ha ritenuti responsabili di tentata estorsione in concorso.

Le indagini, coordinate dal pubblico ministero titolare del fascicolo, sono state rivolte a verificare quanto denunciato a settembre del 2014 dal proprietario di un agrumeto in contrada Bovara, tra Misterbianco eMotta Sant’Anastasia. La vittima aveva dichiarato di essere stato avvicinato, a marzo dell’anno scorso, da uno dei due indagati che, come da prassi consolidata nella zona, pretendeva di ricevere il pagamento per una sorta di servizio di vigilanza offerto a protezione del fondo agricolo di sua proprietà. Rifiutandosi di pagare, generò una serie di ritorsioni come danneggiamenti, furti e atti di vandalismo mai verificatisi in passato.

Gli investigatori, nel corso dell’indagine, hanno osservato e documentato come gli arrestati svolgessero illegalmente il servizio di “vigilanza” in contrada Bovara e nelle zone limitrofe di Misterbianco.

I carabinieri hanno sequestrato un fucile da caccia e un revolver 357 magnum detenuti regolarmente da uno degli indagati, ma rinvenuti in un luogo diverso da quello previsto nell’autorizzazione. I rei sono stati posti agli arresti domiciliari.

Maria Chiara Ferraù

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi