Tortorici (Me): Corte dei Conti, “Comune strutturalmente deficitario”

Il Comune di Tortorici ha troppi debiti.  I dipendenti non percepiscono lo stipendio da sei mesi e le casse comunali hanno un disavanzo di quasi 400 mila euro. Adesso l’ultima conferma arriva dalla relazione della Corte dei Conti dello scorso dicembre inviata all’amministrazione comunale, a seguito della relazione sul rendiconto 2012 inviata ai giudici contabili dall’organo di revisione del Comune oricense il 27 dicembre del 2013. Dall’istruttoria svolta sono emerse diverse criticità.

In particolare, i giudici contestano il ritardo nell’approvazione del rendiconto del 2012, avvenuta il 3 giugno del 2013 e scrivono nero su bianco che l’Ente è strutturalmente deficitario per il superamento di sette dei dieci parametri previsti dal decreto ministeriale del 18/02/2013. In particolare, il disavanzo dell’amministrazione è in controtendenza rispetto al saldo positivo conseguito nell’esercizio finanziario del 2011 con quasi 140 mila euro in cassa.

L’Ente è accusato dalla corte dei Conti di non aver proceduto all’accantonamento del fondo svalutazione crediti per gli enti beneficiari dell’anticipazione di liquidità e di non aver effettuato alcuna azione di recupero dell’evasione fiscale. Fatto, questo, già riscontrato a partire dall’esercizio del 2010. Con riferimento alle spese per il personale i giudici contabili rilevano lo sforamento del parametro, un’elevata incidenza delle spese di personale sulla spesa corrente pari al 62,13%, nonostante la quale l’Ente ha comunque proceduto a prorogare contratti a tempo determinato e la mancata costituzione del fondo per la contrattazione decentrata integrativa nel triennio 2010-2012.

Il Comune di Tortorici viene rimproverato dalla Corte dei Conti per aver frequentemente ricorso a consistenti anticipazioni di cassa violando anche il parametro nove per anticipazioni non restituite pari al 6,96%, superando la soglia del 5%. Le casse comunali hanno troppi debiti sia fuori bilancio che in attesa di riconoscimento pari a quasi due milioni di euro e per coprirli l’Ente ha alimentato le aliquote dei tributi al massimo consentito dalla legge. Infine, viene contestato il mancato rispetto del patto di stabilità e l’assenza di notizie sulle modalità di calcolo effettuate.

Alla luce delle segnalazioni, la Corte dei conti chiede al comune di effettuare un attento esame delle situazioni suscettibili di provocare esborsi e di mettere in atto le misure idonee per evitare aggravi di spesa rispetto agli stanziamenti di bilancio. Si chiede, all’ente di trasmettere le eventuali misure correttive adottate dall’organo consiliare, ulteriori rispetto a quelle oggetto del piano di riequilibrio.

Maria Chiara Ferraù

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi