Catania: confisca da 600 mila euro a Salvatore Laudani

Questa mattina i finanzieri del comando provinciale di Catania hanno confiscato un patrimonio di 600 mila euro a Salvatore Laudani, 35 anni, appartenente al clan mafioso dei Pillera Puntina.

Laudani era stato arrestato dalle fiamme gialle a giugno del 2012, nell’ambito dell’operazione denominata “Pret a porter”. L’uomo acquistava in Olanda quasi 15 Kg di marijuana del tipo orange skunk. Laudani era referente nel gruppo criminale per il traffico di stupefacenti, determinando la condanna in primo grado a cinque anni di reclusione.

La guardia di finanza ha avviato una mirata indagine patrimoniale per verificare la coerenza del tenore di vita e del patrimonio dei Laudani e dei familiari con i redditi dichiarati. L’ultima dichiarazione dei redditi presentata da Salvatore Laudani nel 2008 denunciava un reddito di appena 10 euro. Ma l’uomo, fino al suo arresto, era riuscito a provvedere al regolare sostentamento della famiglia versando persino rate mensili di 2000 euro per un mutuo acceso per l’acquisto di due immobili.

Sotto sigillo sono finiti due immobili a Catania e le quote di due società operanti nel settore edile e nel commercio di articoli di cartoleria. Contestualmente, i giudici hanno disposto nei confronti di Laudani la misura di prevenzione personale della sorveglianza speciale per due anni e sei mesi.

Maria Chiara Ferraù

 

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi