Palermo: “Culturas” per itinerari culturali subacquei

Nell’ambito del  programma di cooperazione Italia-Tunisia si terrà venerdì 10 ottobre 2014, alle ore 9.30, presso la sede della Soprintendenza del Mare (Palazzetto Mirto) in Via Lungarini, 9, a Palermo, la presentazione del progetto “Culturas che prevede la creazione dei percorsi subacquei in Sicilia (Marsala, Pantelleria e S. Vito Lo Capo) e in Tunisia (Tabarka, Kerkouane, Bizerte), e la realizzazione di circuiti turistici ciclabili.

Alla presentazione del progetto interverranno: Pina Furnari Luvarà, Assessore regionale BB.CC. e I.S., Farhat Ben Souissi, Console della Repubblica Tunisina a Palermo, il Dirigente Generale dei BB.CC. e I.S. Salvatore Giglione, il Dirigente Generale del Turismo Alessandro Rais, il Dirigente Generale del Dipartimento Programmazione Vincenzo Falgares e il Soprintendente del mare Sebastiano Tusa.

Il progetto “Culturas” (Cultura e Turismo Attivo e Sostenibile) vuole indicare nuovi modelli per la valorizzazione del patrimonio archeologico, attraverso la sperimentazione di un progetto-pilota che coinvolge lo sviluppo e la fruizione del patrimonio culturale con la specializzazione del sistema di offerta turistica transfrontaliera, operando su due segmenti specifici del turismo: la subacquea e il ciclo-turismo. Obiettivi del progetto sono: la creazione di nuovi itinerari archeologici subacquei e di percorsi ciclabili, l’aumento del livello di conoscenza degli operatori locali e della sensibilità della popolazione sulla protezione dei siti archeologici, il rafforzamento della cooperazione e sinergia tra i partner locali e transfrontalieri.

Il progetto, promosso per la parte italiana dal Dipartimento Regionale Beni Culturali e Identità Siciliana – Soprintendenza del Mare, in collaborazione con il Dipartimento Regionale del Turismo, la Provincia Regionale di Trapani e per la parte tunisina dall’Ufficio Nazionale del Turismo e lIstituto Nazionale del Patrimonio, mira ad ottenere come risultati la realizzazione di standard e modelli più efficienti per la valorizzazione turistica dei beni culturali e la creazione di nuove imprese del sistema d’offerta turistica specializzata nel turismo culturaleLa durata prevista del progetto è di due anni con un Budget di spesa di 1.366.000,00 interamente coofinanziato da diversi partner.

Per il Soprintendente del mare Sebastiano Tusa: “E’ estremamente soddisfacente l’avvio del progetto “Culturas” poiché ciò significa che l’esperienza realizzata in Sicilia dalla Soprintendenza del Mare con gli itinerari archeologici subacquei ottiene un ulteriore riconoscimento internazionale rafforzando i principi sanciti dalla convenzione Unesco sulla protezione del patrimonio culturale sommerso. Mettere a disposizione di un paese a noi molto vicino come la Tunisia, cui ci legano innumerevoli vincoli storici e culturali, la nostra conoscenza è motivo per me di grande gioia”.

La prima riunione del progetto “Culturas” è stata realizzata a Tunisi il 5 e 6 novembre 2013 in due sessioni: la prima si è svolta presso la sede dell’Antenna tunisina del Secrétariat Technique Conjoint (STC), incaricata di assistere la parte finanziaria del progetto, la seconda presso la sede dell’Institut National du Patrimoine (INP) che, insieme all’Office National du Tourisme Tunisien (ONTT), costituisce il partenariato tunisino per la parte tecnico-scientifica del progetto. La delegazione siciliana è stata rappresentata dalla Soprintendenza del Mare della Regione Siciliana (capofila del progetto), composta dal Soprintendente Sebastiano Tusa (coordinatore responsabile del progetto) e dai funzionari Pietro Selvaggio e Floriana Agneto. Gli altri partner siciliani che non hanno potuto prendere parte alla riunione hanno nominato dei responsabili. Durante l’incontro è stata sottolineata la valenza innovativa del progetto transfrontaliero per le sue qualità tecnico-scientifiche da applicare al turismo. Il Soprintendente Tusa ha illustrato le attività della Soprintendenza del Mare quale modello di riferimento per l’attuazione del progetto in materia di valorizzazione di beni culturali sommersi, ed i partner tunisini si sono impegnati a rispettare le procedure previste nel progetto nei tempi stabiliti. 

 Culturas Itinerario subacqueo01

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi