Zone franche urbane, 16 milioni a Messina e 9 a Barcellona

Rischia di passare sotto silenzio la grande opportunità delle zone franche urbane che prevedono incentivi ed agevolazioni per le micro imprese con quasi 16 milioni di euro a Messina e 9 milioni di euro a Barcellona Pozzo di Gotto.

Le agevolazioni per le aziende che hanno sede legale all’interno della Zone franche urbane, consistono nell’esenzione dalle imposte sui redditi, dall’imposta regionale sulle attività produttive, dall’Imu e dall’esonero dal versamento dei contributi delle retribuzioni da lavoro dipendente. Una parte dei fondi sono vincolati per tipologie specifiche di aziende.

Per la zona franca urbana di Messina, il 20% dei fondi è riservato alle imprese di nuova o recente costituzione, mentre il 10% alle imprese femminili. Per la zona franca urbana di Barcellona, l’8% è riservato alle imprese operanti nel settore fornitura di acqua, reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento.

Il tempo per la predisposizione dei progetti e la presentazione delle richieste per accedere alle agevolazioni è breve. Le domande potranno essere presentate dal 5 marzo al 23 maggio prossimi.

“E’ una grande opportunità che rischia di passare sotto silenzio – sottolinea Tonino Genovese, segretario generale della Cisl Messina – Non vorremmo che si sprechi ancora questa occasione. Messina, in particolare, non se lo può permettere. Invitiamo, pertanto, tutti i soggetti deputati ad attivarsi, a partire dalla Giunta comunale, per informare, illustrare e sollecitare all’azione tutti i possibili fruitori di questa innovativa e straordinaria opportunità per la città. Sulla materia – evidenza il segretario della Cisl – registriamo troppo silenzio e disattenzione. Non vorremmo che le emergenze distolgano attenzione. Bisogna affrontare e risolvere i bubboni che tanti guasti hanno arrecato a questa comunità, bisogna ricercare le responsabilità e chiamare i responsabili a renderne conto ma, intanto, dobbiamo pensare alle opportunità e al futuro. Se non si crea ricchezza e reddito non si risolleverà mai il tessuto socio-economico di questa città. Assistere allo sfacelo ci costringerà, domani, a dividere la miseria. Ecco perché non possiamo accettare che il passato travolga il nostro futuro. Ecco perché è nel presente che dobbiamo porre le basi per dare una speranza a Messina. Riteniamo – conclude Genovese – che la zona franca urbana sia una opportunità reale, a portata di mala. Attrezziamoci subito, non vorremmo allungare l’elenco delle occasioni perdute”.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi