Patti (Me): acqua, l’associazione consumatori invita i cittadini al pagamento

In merito ai solleciti di pagamento per il canone acquedotto del Comune di Patti, nel messinese, l’Associazione Consumatori Siciliani invita i cittadini al pagamento anche a seguito dell’esito dei ricorsi pilota presentati presso il Giudice di Pace di Patti avverso il canone 2008 che sono stati rigettati e con la condanna alle spese di €. 250,00 da parte dell’utente a favore del comune difeso dall’avvocato Andrea Pirri, gli otto ricorsi dell’Associazione sono stati seguiti dall’avvocatessa Mariella Sciammetta (Sent. N. 137/2012).

In merito al contenzioso sul canone Il giudice di Pace ha riconosciuto all’utente non dovuto solo l’importo relativo alle acque reflue calcolato sul canone in quanto soggetto alla verifica del consumo effettivo dei metri cubi.

Per questo motivo l’Associazione da me presieduta per un fatto di serietà e di onestà nei confronti dei propri associati non ritiene opportuno avviare un contenzioso sul canone acquedotto dall’esito negativo e con il rischio di condanna alle spese.

Per quanto riguarda il sollecito relativo all’eccedenza e alla depurazione per le annualità a partire dal 1999 codesta Associazione ha avviato a seguito di un incontro avvenuto con l’Assessore Pipitò nel maggio 2012 un rapporto di collaborazione teso a chiudere il contenzioso in atto con la rateizzazione più lunga possibile del debito dell’utente e con lo storno e il ricalcolo di quelle fatture errate.

Solo nei casi estremi e per quelli in cui l’utente non accetta l’accordo con il comune e sussistono gli elementi è possibile avviare la contestazione delle fatture dall’esito incerto.

Riteniamo invece che il Comune debba mettere seriamente le mani al problema a monte per abbassare i costi del servizio facendo pagare tutti. Ci riferiamo a quanto scritto nella relazione che ci è stata consegnata nel luglio 2011 durante un incontro nella sala del Consiglio del Comune di Patti dal quale si evinceva che le utenze realmente leggibili erano 5191 a fronte di oltre 7000. In quella sede il sottoscritto a fatto presente così come in tutti gli altri interventi durante l’amministrazione Venuto che occorre procedere alla regolarità delle utenze mancanti dovuto come si legge nella relazione: “negli ultimi anni un numero considerevole di contatori guasto è stato individuato e le utenze a questi riferite invitate a sostituire il contatore”. Nel comune di Patti al 2011, mi auguro che la situazione sia stata sanata, esistevano circa duemila utenze con contatori guasti, illeggibili oppure mai letti perché in case chiuse da anni.

Il recupero di tutte queste utenze permette di abbattere i costi e poter fare degli investimenti per migliorare il servizio ed è questo quello che ci auguriamo nell’interesse di tutta la città.

Per tal ragione codesta Associazione ripropone all’Amministrazione Aquino così come fatto nel 2006 all’Amministrazione Venuto l’iniziativa di una sorta di “condono” o “sanatoria” o “ravvedimento” o come lo si vorrà chiamare teso a salvaguardare l’interesse di tutti i cittadini pattesi ma anche dell’ente che li rappresenta e che fornisce il servizio con la consapevolezza da entrambe le parti (cittadini-comune) che se non viene imboccata questa strada non resta che il disservizio.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi