Palermo: i sindaci invadono la città

Fasce tricolori hanno invaso questa mattina Palermo. Più di 300 sindaci provenienti da tutta la Sicilia che si sono dati appuntamento nel capoluogo per protestare contro i tagli disposti dal governo regionale agli enti locali. Una manifestazione, quella odierna, appoggiata dall’Anci, associazione nazionale comuni italiani.

A sfilare dietro i gonfaloni, sindaci ed amministratori di grandi e piccoli comuni, presente anche il primo cittadino di Palermo, Leoluca Orlando. I sindaci, però, si sono trovati davanti i portoni chiusi di palazzo d’Orleans. E poi hanno dovuto fare i conti con l’assenza di Crocetta. Tutto è rimandato a martedì quando il governatore tornerà al palazzo della Regione, disponibile a ricevere tutti.

Per Vincenzo Vinciullo e Bernadette Grasso occorre trovare soluzioni per evitare la bancarotta dei comuni. “Innanzitutto – scrivono in una nota stampa il vicepresidente vicario della commissione Bilancio e il deputato di Grande Sud – incrementiamo di 25 milioni il fondo già stanziato, ad oggi pari a 280 milioni che non sono comunque sufficienti. Per una maggiormente equilibrata distribuzione delle risorse – continuano Vinciullo e Grasso – di questi 305 milioni, almeno 100 dovranno essere destinati ai piccoli comuni fino ai 5 mila abitanti che ne hanno bisogno già per le spese correnti. Inoltre, dovremmo reperire altre somme e la soluzione ideale sarebbe il recupero dei 110 milioni di trasferimento che lo Stato ha tagliato con gli ultimi suoi provvedimenti in materia. Per questo – concludono – caldeggiamo l’istituzione urgente di un tavolo programmatico per ottenere da Roma la compensazione per queste entrate ridotte, perché i municipi né possono andare in fallimento, né possono tagliare servizi essenziali alle comunità da essi amministrate”.

 

 

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi