Patti (Me): operazione “Payroll”, i particolari

Per farsi concedere mutui, presentavano documentazioni false. Così hanno truffato diverse banche ed istituti finanziari. La truffa è stata scoperta dai carabinieri che questa mattina hanno eseguito, tra i comuni di Patti, Brolo, Piraino, Sant’Agata di Militello, Rocca di Caprileone e Caronia, sette esecuzioni di misure cautelari per associazione a delinquere finalizzata alla commissione di truffe a banche ed istituti finanziari. L’operazione, denominata Payroll, è stata condotta dai carabinieri della compagnia di Patti. Ad essere truffate le banche Unicredit, Monte dei Paschi e le finanziarie Agos Ducato e Consumit, ai quali sono state avanzate richieste di finanziamenti e mutui per circa 200 mila euro.

Agli arresti domiciliari è finito Francesco Paolo Letizia, 35enne residente a Capo d’Orlando, promotore finanziario e mediatore creditizio. Obbligo di dimora nel comune di residenza per Daniele Casella, 43enne di Piraino; Salvatore Botta, 55 anni residente a Torrenova e Antonino Campione,51enne di Caronia. Obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per Antonino Befumo, 33enne di Sant’Agata di Militello; Salvatore Saffo, 63enne residente a Sant’Agata di Militello e un’altra persona nei cui confronti è stato disposto un analogo provvedimento in corso di notifica. Ad altri nove soggetti è stata notificata un’informazione di garanzia.

Le indagini erano state avviate a settembre del 2010. Le pratiche di finanziamento venivano corredate da documentazione falsa, in particolare buste paga e modelli Cud predisposte di volta in volta a clienti che venivano procacciati dai componenti del sodalizio criminale. Chi richiedeva il finanziamento era solitamente nullafacente. Dopo avergli fatto pagare una somma iniziale tra i 100 e i 300 euro per l’ottenimento delle buste paga e dei Cud falsi, la banda pretendeva, a finanziamento ottenuto, somme che oscillavano dal 40% al 50 % della somma finanziaria. Alcune volte le somme venivano pretese anche mediante minacce.

A capo dell’associazione c’era il promotore finanziario e mediatore creditizio Francesco Letizia Paolo. Era lui che provvedeva alla compilazione o/e al reperimento di buste paga false e Cud ai clienti che venivano procacciati da Antonino Campione, impiegato all’ospedale di Sant’Agata di Militello ora in pensione; Salvatore Botta, ausiliare del traffico; Daniele Casella, artigiano; Antonino Befumo, artigiano e Salvatore Saffo, impiegato.

Antonino Befumo, grazie alla complicità del padre Filippo Giovanni, ex impiegato di banca, colpito da informazione di garanzia, aveva il compito di controllare alcuni clienti e provvedeva all’interrogazione in banca dati per specifici compiti quali quelli dell’accertamento di eventuali impedimenti, quali protesti ed altro mediante visure in CRIF. Una volta individuati i soggetti che avevano bisogno di finanziamenti e mutui, venivano istruiti appositamente dal capo dell’associazione e dai suoi complici. Poi venivano accompagnati alle banche o alle finanziarie dove veniva presentata la pratica e seguivano poi l’intero iter. L’indagine, nell’ambito della quale sono state emanate le sette misure cautelari, vede coinvolti e indagati più di 16 soggetti.

Proseguono le indagini coordinate dalla procura della Repubblica di Patti per individuare altri finanziamenti e mutui ottenuti con lo stesso modus operandi.

Maria Chiara Ferraù

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi