Caltanissetta: furto aggravato all’università, indagato pluripregiudicato

Gli agenti della polizia del commissariato di Caltanissetta hanno denunciato in stato di libertà un pregiudicato nisseno ritenuto responsabile di furto aggravato. È stata così fatta luce su un furto commesso appena tre giorni fa ai danni dell’università degli studi di Palermo, facoltà di Medicina e chirurgia, sede di Caltanissetta.

Lo scorso 17 settembre il responsabile dell’ateneo aveva denunciato in questura che ignori, durante la sua assenza, si erano introdotti all’interno dell’ateneo, asportando due computer portatili di proprietà dell’ente.

Il pomeriggio dello stesso giorno un uomo si era introdotto furtivamente all’interno dell’ateneo, tentando di rubare un quadro appeso alla parete, senza riuscirvi per la presenza degli impiegati lì presenti.

Immediatamente sono state avviate le indagini dei poliziotti che sono risaliti all’identità del ladro che è stato ripreso dalle telecamere del sistema di videosorveglianza sia durante le fasi salienti del furto dei due computer, che durante il tentativo di furto del quadro. Braccato e messo di fronte alle sue responsabilità, D.A. ha confessato  e ha consegnato uno dei due computer, ancora in suo possesso, per cercare di alleggerire la sua futura posizione processuale.

Il pregiudicato è stato così denunciato per il furto del computer e per il tentato furto del quadro. Il computer è stato riconsegnato al responsabile dell’università per non creare disagi al prosieguo delle normali attività della facoltà. Quest’ultimo episodio mette ancora una volta in luce come i ladri puntino istituti scolastici, dove viene custodito materiale informatico, oggetto di facile ricettazione. Per questo motivo la questura di Caltanissetta sta attuando un piano straordinario di servizi di controllo del territorio, su disposizione del questore, Filippo Nicastro.

Maria Chiara Ferraù

 

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi