Alcamo (Tp): nuovo sequestro al “re dell’eolico”

Nuovo sequestro di beni a Vito Nicastri, 57 anni, imprenditore alcamese attivo nel settore della produzione alternativa dell’energia elettrica. La Direzione investigativa antimafia di Alcamo, nel trapanese, ha sequestrato beni per un valore di 3,5 milioni di euro che si sommano a quelli da oltre 1 miliardo e 300 milioni di euro già sequestrati.

L’attività imprenditoriale di Nicastri, specializzato nello sviluppo di impianti di produzione elettrica da fonti rinnovabili, è consistita nella realizzazione e nella successiva vendita, chiavi in mano, di parchi eolici/fotovoltaici, con ricavi milionari. Le indagini hanno confermato collegamenti dell’imprenditore con noti esponenti mafiosi, riconducibili a cosa nostra trapanese, vicini al latitante Matteo Messina Denaro.

 

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi