Agrigento: boss Falsone assolto perché il fatto non sussiste

Il fatto non sussiste. È stata questa la motivazione che ha portato all’assoluzione dell’ex capo di Cosa nostra agrigentina, Giuseppe Falsone, condannato in primo grado a 18 anni di reclusione. La sentenza della corte d’appello di Palermo a conclusione del processo scaturito dall’operazione antimafia denominata Maginot.

Secondo i giudici, la difesa ma anche per il pm, non c’era prova che, da Marsiglia, Falsone dirigesse l’organizzazione mafiosa agrigentina. Assolti anche Antonino Perricone e Giuseppe Maurello, accusati di tentata estorsione e condannati dal tribunale a 2 anni e 8 mesi ciascuno. Pena ridotta da 6 a 5 anni e 4 mesi per il favarese Liborio Parello, mentre è stata aumentata a 8 anni e 8 mesi la condanna per Calogero Pirrera, condannato in primo grado a 6 anni di reclusione. Confermata la sentenza di primo grado per gli altri imputati. 

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi