Catania: si rivolge alla mafia per recuperare un paventato credito

Doveva recuperare un paventato credito e per questo si è rivolto alla mafia. Bisogna andare indietro nel 2004 quando Antonino Di Paola, 59 anni, aveva venduto a un imprenditore di Linguaglossa, nel catanese, un’azienda di San Giovanni La Punta adibita al servizio di ristorazione e catering. Di Paola, nonostante l’imprenditore avesse onorato il suo debito, aveva preteso il versamento di altri 35 mila euro che a suo dire non aveva ancora ricevuto. Per avere i soldi si è rivolto a Francesco Sansone, 63 anni e Filippo Marciante, 61 anni, entrambi ritenuti affiliati al clan Santapaola-Ercolano di Catania. Tutti e tre oggi sono stati arrestati dai carabinieri.

I due “esattori” dopo un primo contatto telefonico con l’imprenditore, avevano fissato un incontro chiarificatore in piazza Nettuno a Catania. La vittima però si è rivolta ai carabinieri che hanno bloccato i tre mentre pretendevano il pagamento del presunto debito. Sansone e Marciante sono stati tradotti nel carcere di Bicocca, mentre Di Paola si trova agli arresti domiciliari, su disposizione dell’Autorità giudiziaria.

Maria Chiara Ferraù

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi