Agrigento: crollo palazzo Lo Jacono, chiesto rinvio a giudizio per 10 persone

Il sindaco di Agrigento, Marco Zambuto, potrebbe essere rinviato a giudizio insieme ad altre nove persone tra tecnici comunali e imprenditori, accusati di non aver impedito il crollo del palazzo Lo Jacono Maraventano del 25 aprile 2011. La procura di Agrigento ha chiesto per loro il rinvio a giudizio.

Oltre al sindaco Zambuto chiesto il rinvio a giudizio per il capo dell’ufficio tecnico comunale Giuseppe Principato; per il funzionario comunale Calogero Tulumello; per il responsabile del settore protezione civile comunale Attilio Sciara e per i componenti del collegio di progettazione e direzione dei lavori urgenti per la messa in sicurezza dell’edificio, Gaspare Triassi, Marcello Cappellino e Andrea Patti; per i responsabili della ditta che aveva effettuato i lavori di consolidamento: Giuseppe Calogero e Carmelo Analfino. Tutti dovranno rispondere, a vario titolo, di crollo di costruzione colposo in concorso.

In particolare, la procura agrigentina accusa i dieci di aver posto in essere un concerto di condotte colpose perché negligenti, imprudenti e imperite, per l’oggettiva assoluta inidoneità tecnica dei progetti di lavori solo dichiaratamente finalizzati alla messa in sicurezza. 

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi