Lipari (Me): oreficeria in mostra

L’uomo ha sempre cercato, fin dai tempi più remoti, di adornarsi con oggetti la cui rarità o la difficile reperibilità conferivano personalità, importanza e prestigio nell’ambito della comunità. Sembra strano, ma l’uomo probabilmente pensò dapprima ad adornarsi e poi a vestirsi. Nella preistoria, l’attenzione degli ornamenti era rivolta ad oggetti di difficile reperibilità costituiti da conchiglie, denti di animali, le cui origini risalgono a circa 40.000 anni fa. Gli ornamenti spesso conservano un valore di amuleto, per proteggere da malattie e dalle forze del male.

Già con la preistoria l’uomo scopre l’oro, che per gli Egizi rappresentava la carne di Amon-Ra, dio del sole. L’oreficeria si raffina nel tempo, con i famosi orafi etruschi e durante l’età ellenistica (III-II a.C.) con la produzione di splendidi gioielli abbelliti da intarsi di pietre dure. La civiltà romana fu invece la prima ad utilizzare l’anello come segno di fidanzamento oltre alle funzioni di sigillo e talismano. Al desiderio di adornarsi con oggetti, nasce anche la cura del corpo, prima con evidenti segnali di distinzione in particolari riti religiosi (olii profumati, terre colorate), poi in età greca si afferma l’arte della cosmesi, la “kommotikè techne”, rivolta soprattutto al mondo femminile come ancora la conosce la donna di oggi.

Buona parte di questa storia è rappresentata dai ritrovamenti archeologici e Lipari, la più grande delle sette sorelle nelle isole Eolie in provincia di Messina, offre un ricco panorama di manufatti di assoluto prestigio ed importanza. In mostra i più raffinati reperti a partire dall’età del Bronzo fino all’età romana.

La mostra che resterà aperta al pubblico fino al 30 settembre al museo archeologico Bernabò Brea di Lipari, sarà inaugurata il prossimo 22 giugno alle 10 nella chiesa di Santa Caterina. Al convegno inaugurale interverranno: Maria Claudia Martinelli, archeologa del Parco Isole Eolie e curatrice della mostra; Michele Benfari, dirigente del museo; Maria Concetta di Natale, dell’università degli studi di Palermo; Aurelio Pes, drammaturgo e Umberto Spigo, direttore del parco archeologico.

Si potrà visitare la mostra tutti i giorni dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 19 e la domenica dalle 9 alle 13. L’ingresso costa 6 euro. Per informazioni: Tel. 090 9880174 | email: parco.archeo.eolie@regione.sicilia.it

 

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi