Fiumara d’arte: sostegno e solidarietà dai sindaci ad Antonio Presti

Solidarietà e sostegno al mecenate Antonio Presti e alla straordinaria storia di Fiumara d’arte. Ad esprimerla sono i sindaci del consorzio dei Comuni della valle dell’Halaesa, solidali alla iniziativa assunta dal mecenate. L’assemblea regionale siciliana, con il deliberato della tabella H, ha assimilato una delle eccellenze della Sicilia, Fiumara d’arte appunto, alle politiche clientelari.

“Fiumara d’arte, la sua storia di lotte e di successi, la sua incredibile forza di attrazione culturale e turistica rappresenta il comune denominatore di un territorio, la sua stessa identità – si legge nel comunicato congiunto dei sindaci – ne incarna le sue aspettative di crescita, di riscatto, di rinascita. Non comprendiamo la sordità di una politica che parla di sviluppo e mortifica le migliori espressioni del territorio precludendo la possibilità di innescare davvero un circolo virtuoso tra territorio, cultura ed occupazione”.

Quanto accaduto in aula, secondo i primi cittadini di Santo Stefano di Camastra; Francesco Re; Tusa, Angelo Tudisca; Mistretta, Iano Antoci; Pettineo, Pino Liberti; Castel di Lucio, Giuseppe Greco; Motta d’Affermo, Nunzio Marinaro; Reitano, Sebastiano Dragotto; Caronia, Rino Beringheli “è uno schiaffo non solo all’esperienza di fiumara d’arte, ma anche e, soprattutto, alla buona e nuova politica che questa parte di territorio ha voluto sostenere compattamente con il proprio voto”.

 

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi