Catania: psichiatria, interventi urgenti tra cura e controllo sociale

Se fino a qualche anno fa l’acronimo “Tso” – trattamento sanitario obbligatorio – rappresentava un tabù, oggi l’evoluzione socio-culturale registra importanti progressi: ne è la dimostrazione il corso specifico che nel 2010 venne promosso dal dipartimento salute mentale Adrano/Bronte – diretto da Carmelo Florio – dell’Asp Catania, finalizzato alla redazione di un protocollo d’intesa fra l’azienda provinciale etnea e i comuni del territorio allo scopo di implementare e condividere modelli di buone prassi.

La tematica è quanto mai attuale, ricca di spunti di riflessione e confronto e sarà oggetto di un incontro-dibattito in programma sabato 13 aprile (ore 9.00, Villa delle Favare) dal titolo “Interventi urgenti in psichiatria: tra cura e controllo sociale”, organizzato dal Dsm, con il contributo del Comune di Biancavilla – assessorato alle Politiche Sociali – e il patrocinio dell’ordine dei Medici e Chirurghi Catania e della Società Italiana di Psichiatria Sicilia.

“In questo ambito – commenta il commissario straordinario Asp Catania Gaetano Sirna – spesso vi è una sottile linea di confine tra esigenze di cura e di controllo sociale, da cui provengono incertezze e limiti operativi. Diventa quindi indispensabile analizzare i diversi profili di responsabilità, le figure professionali di supporto, le attività del dipartimento sanitario mentale di riferimento, anche per evitare che aspetti “cautelativi” prevalgano sul buon senso”

I dati epidemiologici, infatti, confermano il crescente aumento di condotte devianti e antisociali e sempre più frequenti patologie tossicomaniche, che talvolta, impropriamente, esitano in interventi di Tso: “Emergono quindi – afferma Florio – inevitabili aspetti conflittuali tra gli “attori” in gioco, che rischiano di portare a condotte non sempre in linea con i bisogni dell’utente”.

L’incontro si strutturerà con un focus sui punti di vista delle figure professionali coinvolte: dopo i saluti del sindaco del comune di Biancavilla Giuseppe Glorioso e dell’assessore comunale alle Politiche sociali Luigi D’Asero, interverranno anche la psichiatra Liliana Gandolfo e il sostituto procuratore generale presso la Procura generale Corte di appello Catania Gaetano Siscaro, esperto di Diritto sanitario.

 

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi