Modica (Rg): “oggetti senza gloria”

Oggetti senza gloria”. È questo il titolo del libro di Grazia Dormiente che sarà presentato a Modica nel ragusano, il prossimo 6 aprile alle 17.30 nell’aula consiliare di palazzo San Domenico.

Alla presentazione interverranno: il sindaco di Modica, Antonello Buscema e il presidente del consiglio, Carmelo Scarso; Giuseppe Barone, preside della facoltà di Scienze politiche dell’Università degli studi di Catania e presidente della fondazione Grimaldi; Neria De Giovanni, presidente dell’associazione internazionale dei critici letterari di Parigi; Alessandro Ferrara, dirigente generale del dipartimento attività produttive già dirigente alla sovrintendenza di Ragusa e Salvatore Scalia, giornalista del quotidiano La Sicilia e scrittore.

A moderare i lavori sarà il giornalista Marco Sammito. Il libro intende testimoniare, attraverso le parole di una protagonista, l’impegno socio-culturale dell’associazione Serafino Amabile Guastella che, tra il 1972 e il 1978 realizzò il museo ibleo delle arti e tradizioni popolari nel palazzo dei Mercenari. Il museo etnografico, considerato uno dei migliori in Italia nel suo genere, tracciava una biografia collettiva della civiltà contadina e artigiana dell’ex Contea di Modica, attraverso il recupero di strumenti di lavoro e la ricostruzione di botteghe tradizionali, dando voce a quella storia delle classi subalterne che scontava il difetto di fonti scritte. Il testo è impreziosito da fotografie d’epoca, ritagli di giornale, schizzi e appunti grafici inediti che illustrano il metodo di lavoro e il work in progress dell’allestimento.

La pubblicazione della Dormiente, dedicata alla memoria dei cofondatori Raffaele Galazzo, Duccio Belgiorno, Giorgio Buscema, Nannino Ragusa, Nunziata Monaco, rende giustizia al lavoro svolto dall’associazione S.A.Guastela, ideatrice del museo e proprietaria dei beni custoditi al suo interno, contrastando in tal modo “il silenzio delle dimenticanze culturali”.

“Oggetti senza gloria”, superando le recenti polemiche legate alla marginalità dell’associazione Guastella nei programmi di gestione museale dell’amministrazione comunale, lancia un appello alle nuove generazioni affinché si facciano “scudieri responsabili delle proprie tradizioni” e auspica il rilancio del museo, chiuso dal 2005 per lavori di restauro dell’edificio che lo ospita, e dell’associazione con l’ammissione di nuove energie e con il relativo adeguamento dello statuto.

Grazia Dormiente, etnoantropologa presidente dell’associazione Giorgio La Pira – spes contra spem, direttore culturale del consorzio di tutela del cioccolato di Modica, è autrice di sillogi poetiche e saggi storici e letterari.

 

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi