Palermo: trattativa Stato-mafia, 10 rinvii a giudizio

Sarà celebrato il prossimo 27 maggio alla seconda sezione della Corte d’Assise di Palermo, il processo sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia. Il gup di Palermo, Piergiorgio Morosini, ha rinviato a giudizio tutti i dieci imputati dell’udienza preliminare.

Alla sbarra i mafiosi Totò Riina, Antonino Cinà, Leoluca Bagarella e Giovanni Brusca; il figlio dell’ex sindaco mafioso di Palermo, Massimo Ciancimino; gli ex ufficiali dell’Arma, Antonio Subranni, Mario Mori e Giuseppe De Donno; l’ex senatore del Pdl Marcello Dell’Utri; l’ex ministro Nicola Mancino, accusato di falsa testimonianza.

I capimafia Riina, Cinà, Bagarella e il pentito Brusca, sono accusati di violenza o  minaccia a Corpo politico dello Stato, così come gli ex militari del  Ros Subranni, Mori e De Donno, e l’ex senatore Dell’Utri. E’ imputato, invece, di concorso in  associazione mafiosa e calunnia all’ex capo della polizia De Gennaro, Massimo Ciancimino. Di falsa testimonianza, invece, dovrà rispondere l’ex ministro  dell’Interno Mancino. Stralciata per motivi di salute, la posizione di Bernardo Provenzano, anche lui inizialmente tra gli  imputati. L’ex ministro Calogero Mannino, invece, ha chiesto ed ottenuto il rito abbreviato, che si aprirà il 20 marzo.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi