Catania: spedizione punitiva per questioni economiche, tre arresti

I Carabinieri della Stazione di Librino e del Nucleo Operativo della Compagnia di Fontanarossa di Catania hanno arrestato tre persone per tentata estorsione, detenzione abusiva di armi proprie e improprie e lesioni.

Il provvedimento è stato emesso dall’ufficio del GIP del Tribunale di Catania, su richiesta della locale Procura della Repubblica, in relazione alle risultanze investigative rassegnate dai Carabinieri della Compagnia di Fontanarossa.

Le indagini sono iniziate dopo un intervento effettuato dai militari della Stazione di Librino il 5 ottobre 2012 intorno alle 18.00. Una telefonata al 112 avvisava che si era verificata un’aggressione dalla quale era scaturita una violenta colluttazione in danno del proprietario e dei figli di un’officina meccanica da parte di 5 soggetti giunti a bordo di motocicli.

Gli accertamenti condotti sulla scena della rissa non consentivano di fare luce sulle ragioni alla base del litigio, anche in considerazione del fatto che entrambe le parti sostenevano di essere vittime dell’aggressione. Nell’immediatezza i Carabinieri sequestravano una mazza da baseball e un tubo innocente vistosamente insanguinati. Uno dei cinque potenziali aggressori veniva trasportato al Pronto Soccorso per le necessarie cure mediche a seguito dei numerosi politraumi riportati.

Le indagini consentivano di acclarare che i 5 soggetti (2 dei quali identificati e tratti oggi in arresto) si erano recati quel pomeriggio presso l’officina in due diversi momenti, al fine di convincere il commerciante a ritirare una vertenza economica aperta con il titolare di un negozio di moto di Zia Lisa, ritenuto il mandante della spedizione punitiva/estorsiva e quindi anch’egli tratto in arresto.

In particolare, dopo aver cercato di convincere una prima volta il titolare dell’officina verbalmente, nel secondo episodio, i 5 si sarebbero presentati “per sistemare” la questione armati di una mazza da baseball, di un tubo innocente e di una pistola, con l’erronea convinzione di trovare nell’officina il solo proprietario. La pronta reazione dei figli di quest’ultimo, occasionalmente presenti sul luogo, induceva 4 dei cinque aggressori a fuggire esplodendo anche un colpo di pistola in aria per guadagnarsi la fuga, mentre il quinto, identificato in Santo Tricomi, 37 anni, veniva bloccato.

L’esito delle investigazioni consentiva quindi di appurare che il gesto criminale scaturiva dalla volontà del mandante di risolvere con la violenza la vertenza che lo avrebbe visto probabilmente soccombere per vie legali condannandolo al pagamento di una somma stimata intorno a circa 20.000 euro.

Le manette sono scattate ai polsi di: Lorenzo D’Amico, commerciante di 52 anni; Santo Tricomi, 37 anni e Mario Ventimiglia, 27 anni.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi