Caltanissetta: lite in un bar, due denunce

Sono stati trovati sul ciglio della strada in evidente stato di ebbrezza e con ferite. All’arrivo della polizia a Caltanissetta i tre hanno cercato di allontanarsi, ma sono stati bloccati e identificati. 

Uno di loro, V.A., 66 anni, gestore di un bar, presentava ferite al volto e alla nuca. Ai poliziotti ha ammesso di aver notato, poco prima, uno dei clienti del bar che, ubriaco, stava litigando con un altro avventore e di essere intervenuto per sedare la lite. Il cliente ubriaco si era rivoltato contro di lui, aggredendolo. Ne era nata una violenta colluttazione, nel corso della quale, per difendersi, il gestore del bar avrebbe esploso in aria alcuni colpi di una pistola a salve dallo stesso detenuta. Quindi aveva aveva utilizzato l’arma per colpire alla testa l’altro soggetto. La pistola a salve è stata rinvenuta nella vettura del gestore del bar ed è stata sequestrata. Era priva del tappo rosso, obbligatorio per legge nelle armi inoffensive. Il caricatore della stessa è stato rinvenuto nella tasca del giubbotto dell’uomo e, presso la sua abitazione, sono state sequestrate due scatole contenenti 90 cartucce. Un bossolo esploso è stato trovato davanti l’ingresso del bar. Nel corso della perquisizione presso l’abitazione del predetto, venivano rinvenuti, nascosti tra un letto ed il muro adiacente, due documenti di identità appartenenti ad un uomo che ne aveva denunciato lo smarrimento il giorno precedente.

Il gestore del bar è stato denunciato  per minacce aggravate, lesioni aggravate e furto di documenti ed è stato multato per ubriachezza.L’uomo che ha provocato la lite, invece, V.T., 45 anni, è stato medicato al pronto soccorso ed è stato giudicato guaribile in una settimana. L’uomo aveva rifiutato di farsi identificare e si è ripetutamente scagliato contro i poliziotti. É stato dunque denunciato per resistenza a pubblico ufficiale, oltraggio, minacce aggravate e lesioni aggravate. Anche lui è stato multato per ubriachezza. Nulla è emerso, invece, a carico del terzo soggetto.

Maria Chiara Ferraù

 

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi