Messina: Cgil e Sil a Crocetta, “si tutelino i lavoratori della Ventura e della Eurotel”

Pino Foti, segretario generale della Filt Messina e Antonio Settineri, segretario del SIL, hanno inviato una lettera al presidente della Regione Crocetta e al presidente della V commissione all’Ars per chiedere di trovare modalità di tutela per i lavoratori delle aziende oggetto di informativa antimafia alle quali in questi giorni il CAS ha revocato gli appalti. 

“Il Governo Regionale in questi giorni ha preteso che il Consorzio Autostrade Siciliane revocasse  gli appalti in essere con alcune aziende oggetto di informative antimafia – scrivono Foti e Settineri-. La prima ad essere colpita dal provvedimento è stata la Ventura S.p.A , e la seconda, secondo la stampa, dovrebbe essere la Eurotel srl. La Ventura S.p.A. si era aggiudicata due appalti, quello per il servizio di sorveglianza attrezzata per gli interventi urgenti ed assistenza al traffico, e quello per le prestazioni di servizi per la conservazione, completamento e rinnovo delle piante e degli spazi verdi, che davano occupazione a 71 operai.

La Eurotel s.r.l. invece è vincitrice di un appalto per la manutenzione degli impianti tecnologici delle autostrade, come telepass, casse automatiche ed emissione e convalida biglietti, ed occupa 20 dipendenti.

Nessuno può avere il minimo dubbio sull’immediata  azione messa in atto dal Governo per tutelare i principi di legalità, ma vi è un’altra parte che è conseguentemente rimasta esposta senza alcuna difesa, ed è rappresentata dai 91 dipendenti che hanno, senza alcuna colpa, improvvisamente perso il posto di lavoro.

Il mancato rispetto della legalità è stato, ed è, in questa terra il primo ostacolo al lavoro, ed appare strano, quindi, che il governo regionale non preveda al contempo automatiche misure di tutela per i dipendenti di quelle aziende.”

E continuano i sindacati: “Tra l’altro le attività degli appalti revocati sono stati immediatamente affidate ad altre ditte, dimostrando così che quei lavoratori svolgevano per la maggior parte servizi indispensabili per le autostrade, e non si comprende dunque perché non si è provveduto a fare transitare queste maestranze nelle nuove aziende, o perché, ad esempio, il Consorzio Autostrade Siciliane non “internalizza” questi servizi, uscendo finalmente dalla logica degli appalti, ed assorbe definitivamente quel personale già specializzato.

Abbiamo già richiesto al Prefetto di Messina di attivare un tavolo di confronto, con l’Ufficio del Lavoro ed il Consorzio Autostrade Siciliane, per cercare di individuare quelle soluzioni immediate, che restano comunque sempre temporanee e localistiche,  ma non vi è dubbio che l’assenza di specifiche ed uniformi garanzie da parte della Regione Siciliana sia un limite evidente, ed un vuoto che occorre urgentemente colmare. Sollecitando pertanto un immediato intervento da parte del Governo Regionale, chiediamo l’attivazione di un confronto di merito, dove esporre ed analizzare puntualmente i vari aspetti delle questioni poste, e dare definitive e chiare risposte ai lavoratori”.

 

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi