Messina: nuovo corso all’associazione giovani Cisl

Nuovo corso all’associazione giovani Cisl di Messina che ha eletto, nel corso dell’assemblea dei soci, il nuovo presidente provinciale e le componenti del comitato. A capo dell’associazione va Gianmarco Calapai, laureando alla facoltà di Economia e commercio a Messina. Nel comitato provinciale sono state elette Valeria Lombardo, studentessa alla facoltà di Giurisprudenza e Stefania Ocera, laureanda alla facoltà di Scienze politiche.

“Voi giovani – ha detto Tonino Genovese ai ragazzi – rappresentate un patrimonio per l’organizzazione Cisl ma anche e soprattutto per la società. Continuiamo a investire sulle vostre capacità e sulle vostre professionalità auspicando che la Cisl di Messina possa rappresentare, per voi, anche una opportunità in termini di impegno sociale”.

“La nostra attività – ha spiegato invece Gianmarco Calapai – sarà orientata a creare un anello di contatto e quindi offrire opportunità tra due realtà oggi forse distanti, ovvero tra i giovani e le realtà produttive. Non mi riferisco solo alle industrie ma guardo a tutto il mondo del lavoro, il terziario, i settori emergenti, settori nuovi che necessitano di professionalità diverse e specializzate rispetto al passato. Dobbiamo conservare ciò che già esiste e proporre anche il nuovo. Il primo passo, dunque, sarà quello di istituire uno sportello informativo per il progetto Policoro, per l’orientamento universitario ma che serva anche ai soggetti esterni, che dia sostegno alla presentazione dei progetti e di nuove start up”.

L’obiettivo – ha affermato Paola Zito, segretaria confederale della Cisl Messina e coordinatrice dell’Associazione Giovani Cisl – è creare prospettive di lavoro. L’Associazione ha dedicato e dedicherà molto spazio alla progettazione e all’individuazione di iniziative imprenditoriali nuove per lanciare start up e creare posti di lavoro. Ci aspettiamo che i giovani condividano i valori Cisl e siano capaci di elaborare delle idee e apportare il loro contributo visto che appartengono a una generazione diversa dalla nostra e di cui c’è bisogno diventi protagonista”.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi