Messina: vertenza Triscele, la fabbrica chiude

È finita nel peggiore dei modi la vicenda della Triscele. Dal primo gennaio i lavoratori verranno licenziati. La città di Messina, dichiara il segretario generale Fai Cisl, Calogero Cipriano, “subisce un’altra grande ingiustizia, sacrificata sull’altare della speculazione”.

Secondo Cipriano si è trattata di un’operazione “di puro interesse economico che avevamo denunciato sin dall’inizio. È palese che nel 2007 vi sia stato l’acquisto di un terreno e non di una fabbrica. Di salvatori della patria, alla fine, non ne abbiamo visti. Dall’istanza presentata di concordato preventivo liquidatore, inoltre – prosegue il sindacalista – i lavoratori rischiano al momento del licenziamento, anche di non percepire il trattamento di fine rapporto. È chiaro che ci difenderemo in tutte le sedi per poter accorciare i tempi di liquidazione e dare dignità ai lavoratori che, oltre alla beffa della famiglia Faranda, rischiano di subire anche un danno economico. Stiamo parlando – conclude Cipriano – di circa 2 milioni di euro che la proprietà deve corrispondere ai lavoratori”.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi