Catania: la sacrestia del Duomo restituita ai fedeli

Sarà restituita ai fedeli sabato 1 dicembre alle 10.00 la sacrestia del duomo di Catania. “Questa sagrestia – si legge sulla lapide – a maggior gloria di Dio e al culto della sua sposa Sant’Agata e per la maggiore comodità da tanto tempo desiderata di questa cattedrale, Fra Michelangelo Bonadies, vescovo di Catania, incominciata dalle fondamenta, la compì bella di quegli ornati di cui risplende, nell’anno della salute 1675”.

Alla presenza di autorità religiose e civili, dopo la messa, la sagrestia restaurata verrà restituita ai catanesi in tutto il suo splendore. Si tratta di un manufatto ligneo unico nel suo genere, scampato al terremoto del 1693, insieme al sacrario capitolare e alle mura perimetrali della basilica dedicata a Sant’Agata – che per oltre cinquant’anni non è stato fruibile.

I lavori, durati diversi mesi, sono stati intrapresi in accordo con l’arcivescovado etneo nella persona di monsignor Barbaro Scionti, da Eduardo Capizzi, agente generale di Ina Assitalia Catania, in occasione dei festeggiamenti per i cento anni di attività della sua famiglia che dal 1912 lavora per la compagnia assicurativa. “Voglio lasciare un dono alla città attraverso la nostra amata Santa – sottolinea – un segno tangibile nel territorio dove da anni opero con la stessa dedizione che ha caratterizzato l’attività della mia famiglia in diverse province siciliane”.

L’intervento, affidato alla famiglia dei restauratori Fichera, con la supervisione dell’esperto e perito d’arte Giacomo La Rosa, ha permesso di valorizzare un’opera di particolare importanza e valore per la sua ubicazione, per il periodo storico in cui fu costruita e, soprattutto per il pregio che presenta in quanto espressione di un artigianato artistico florido, i cui caratteri stilistici furono d’esempio al barocco settecentesco della Catania vaccariniana. Una vera e propria testimonianza artistica dell’epoca, un bene della collettività che è anche simbolo della ricchezza della nostra città. “La nostra famiglia, impegnata da ben quattro generazioni nel campo della previdenza – conclude Capizzi, che da nonno Eduardo e da papà calogero ha ereditato e trasmesso alla figlia Germana la voglia di operare per lo sviluppo del territorio – si è sempre distinta per l’etica, per i valori improntati alla trasparenza e alla lealtà: mi sembrava doveroso pertanto accompagnare questi festeggiamento con un’azione concreta e utile, grazie alla quale la sagrestia potrà finalmente recuperare la sua funzionalità e la sua bellezza compositiva e decorativa, riacquistando quella cromia mielata del legno di noce nazionale fra i più pregiati d’Europa”.

 

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi