Palermo: Crocetta e la sua giunta rosa

Saranno sette le componenti donne della nuova giunta regionale siciliana guidata da Rosario Crocetta, ex sindaco di Gela e simbolo della lotta alla criminalità organizzata. Una rivoluzione rosa per la Sicilia con un governo composto da 12 “tecnici”. Una rivoluzione che non è andata a genio a qualcuno del Pd, come ad Antonello Cracolici, capogruppo uscente dell’Ars del Pd che su twitter ha già lanciato il primo segnale di guerra scrivendo: “Vediamo quanto durerà questo governo”. Ma Crocetta è andato dritto per la sua strada riuscendo a mettere su una giunta senza parlamentari, composta da ben sette donne: un record nella storia.

L’assessorato all’Economia sarà governato da Francesca Basilico D’Amelio, tecnico scelto dall’area del Pd che fa capo a Sergio D’Antoni, Giuseppe Lupo e, in generale, alla Cisl. D’Amelio ha lavorato al ministero dello sviluppo economico con D’Antoni e Bersani. Un tecnico conosciuta nei ministeri romani e con legami con il mondo politico siciliano.

La più giovane componente della giunta Crocetta è invece Nelli Scilabra, 29 anni, studentessa in giurisprudenza, avrà la delega a Istruzione e formazione professionale. Scilabra è anche dirigente dei giovani del Pd. L’idea del neo governatore della regione siciliana è quello di trasformare l’assessorato affidato a Scilabra, in una branca dell’amministrazione al servizio dei giovani.

Di infrastrutture, invece, si dovrà occupare Nino Bartolotta, espressione della corrente del Pd “Innovazioni”, un gruppo che fa capo a Francantonio Genovese, Nino Papania, Totò Cardinale e via continuando.

Assessore al Turismo dovrebbe essere l’artista siciliano Franco Battiato che ha annunciato che il suo compenso sarà devoluto in beneficenza e che ogni mese si saprà chi sarà il beneficiario.

Un’altra donna nella giunta Crocetta sarà Ester Bonafede, sovrintendente dell’ente orchestra sinfonica siciliana. Sarà il nuovo assessore alla Famiglia e al Lavoro. Sembrerebbe che sia stata segnalata dall’Udc.

A capo dell’assessorato alla Funzione pubblica un’altra donna: Patrizia Valenti che vanta una grande esperienza amministrativa. Valenti ha ricoperto la carica di capo dell’ufficio tecnico della presidenza della Regione con delega ai fondi europei, tenendo testa a Gabriella Palocci, ma è nota anche per la sua correttezza. È stata lei a far emergere le magagne nella gestione delle autostrade siciliane, quando è stata nominata presidente del Cas, consorzio autostrade siciliane. Da presidente del Cas ha provato a riportare ordine e legalità nel settore, ostacolata dal governo Lombardo che le ha tolto anche l’incarico.

Assessore alle Risorse agricole e alimentari sarà Dario Cartabellotta, agronomo, dirigente generale in questo settore, tecnico di esperienza e professionalità.

Linda Vanchieri, voluta da Crocetta, come per Battiato, sarà l’assessore alle Attività produttive.

Ai beni culturali il fisico Antonino Zichichi, anche lui scelta di Crocetta. Alla salute o Sanità, Lucia Borsellino, sempre scelta dal presidente della Regione.

Mariella Lo Bello sarà il nuovo assessore al Territorio e Ambiente, già ai vertici della Cgil di Agrigento, scelta del Pd che fa capo a Mirello Crisafulli, Angelo Capodicasa e altri.

All’Energia il giudice Nicolò Marino, anche lui scelta di Rosario Crocetta.

Maria Chiara Ferraù

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi