Lampedusa (Ag): i pompieri pagano da soli trasporto, vitto e alloggio, la denuncia del Conapo

Per garantire il soccorso alla popolazione, da anni i vigili del fuoco di Agrigento sono costretti a pagare il biglietto di trasporto per andare a lavorare decurtando così 500 euro che potrebbero servire al sostentamento della propria famiglia. Succede ai pompieri in servizio sull’isola di Lampedusa dove sono costretti a pagare anche il pranzo e l’alloggio quando non possono rientrare a casa per le avverse condizioni meteo marine. A denunciare i fatti è il sindacato Conapo di Agrigento. “Al lavoratore – afferma Antonio Di malta, segretario provinciale Conapo – non viene riconosciuto lo stesso trattamento delle forze di polizia dipendenti dallo stesso ministero. La cosa assurda è che ora il personale dovrebbe pagarsi anche il pranzo e l’alloggio. I Vigili del Fuoco servono e garantiscono il soccorso ai cittadini ed è quindi lo Stato che se ne deve assumere gli oneri, i servitori dello Stato non possono essere considerati come lavoratori autonomi o ditte private poiché il dipendente VVF opera per la collettività il soccorso e la difesa civile e non nell’interesse personale e privato  – continua Di Malta – oggi assistiamo all’esenzione delle spese dei trasporti dei politici ma assistiamo che uomini servitori dello Stato oltre le tasse da pagare debba pagare di tasca propria il soccorso ai cittadini, è una vergogna! ”

“ Se non avremo risposte serie e concrete inizieremo lo stato di agitazione di tutto il personale vvf in provincia compreso aeroporti e iniziative di protesta davanti la Prefettura e l’isolamento di unità Vigili del Fuoco liberi dal servizio sull’isola disabitata di Lampione. Chiediamo oltre l’onere del costo del trasporto a carico dell’amministrazione l’annullamento dell’ODG  318 del 31.10.2012 del Comando di Agrigento – conclude Di Malta– dove obbliga i lavoratori a pagare anche il vitto e l’alloggio in caserma quando questi non per propria volontà sono costretti a non poter rientrare in terraferma per le avverse condizioni meteo”.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi