Comiso (Rg): aeroporto, siglata la convenzione Soaco, Comune e Enav

È stata firmata oggi a Roma la convenzione per la fornitura del servizio dei controllori di volo nell’aeroporto ragusano di Comiso fra Enav, Comune di Comiso, Enac e Soaco, la società di gestione dello scalo ibelo di cui Sac, tramite la controllata Intersac, è socio di maggioranza. È un primo passo verso l’apertura dello scalo aeroportuale siciliano.

“Oggi – ha dichiarato Rosario Dibennardo, presidente della Soaco – tutto comincia. Lavoreremo per inserire Comiso nel piano nazionale degli aeroporti e, in vista dell’apertura nel 2013, siamo già impegnati insieme a Sac in una serratissima attività di marketing per far conoscere le potenzialità dello scalo e la sua sinergia con Catania alle compagnie aeree”.

Oggi, ha fatto sapere il presidente della Sac, Peppino Giannone, l’amministratore delegato Nico Torrisi “è a Londra per partecipare al World Travel Market, appuntamento di riferimento per il turismo mondiale per promuovere il sistema aeroportuale integrato Catania-Comiso”.

Se si fanno passi avanti per l’apertura dello scalo di Comiso, non manca una vena di polemica. Pippo Digiacomo, parlamentare del Partito democratico non è stato invitato né dal Comune di Comiso, né da Soaco nel giorno della firma del protocollo. Eppure lui si era spento tanto e grazie alle sue iniziative di protesta, e non solo, ha fatto arrivare i 4,5 milioni di euro necessari per la stipula della convenzione che di fatto apre l’aeroporto al traffico passeggeri e merci. “Ma non ho sprecato il mio tempo – dichiara Digiacomo – giacché ero impegnato in un colloquio con il rettore Recca per salvare la facoltà di lingue di Ragusa. Ritengo che faremo un buon lavoro – prosegue Digiacomo – anche lì speriamo con il concorso degli altri parlamentari che hanno preferito una gratuita visibilità intorno a un argomento del quale non sono mai stati né protagonisti né comparse: probabilmente questa scorrettezza nel diramare gli inviti sarà stata figlia del rombo di Porsche e Ferrari in corsa sulla pista di volo. Colgo l’occasione – conclude il parlamentare Digiacomo – per ringraziare Bapr per l’insostituibile ruolo di supporto all’economia iblea”.

“Finalmente – ha aggiunto il senatore del partito democratico, Giuseppe Lumia – si è sbloccata un’empasse burocratica che ha rischiato di trasformare l’aeroporto di Comiso nell’ennesima occasione perduta per lo sviluppo dell’isola, senza calcolare le risorse sprecate e i fondi che la Regione siciliana avrebbe dovuto restituire all’Europa”.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi