Tortorici (Me): minaccia di morte la moglie, arrestato

“Esci fuori che ti ammazzo”, “Ti metto la pistola in bocca e sparo”. Così un 58enne di Tortorici, centro in provincia di Messina, ha minacciato di morte la moglie, in preda ai fumi dell’alcool e probabilmente accecato dalla gelosia. È successo in contrada Masugna dove la donna e le due figlie della coppia hanno vissuto momenti di terrore. L.P.M., 58 anni, poco prima di andare a dormire aveva chiuso le porte esterne dell’abitazione e serrato anche quella che collega la stanza da letto matrimoniale con la camera dove dormono le figlie. Un gesto che non è passato inosservato alla moglie.

L’uomo, ubriaco, ha iniziato ad insultare la donna e a tirarla per i capelli. La signora, accortasi dove il marito aveva poggiato le chiavi, ha prima reagito spintonando l’uomo che ha perso l’equilibrio e poi è riuscita ad aprire la camera delle figlie dove si è rifugiata. Il 58enne, su tutte le furie, è andato nell’armeria e ha preso una pistola calibro 7,65 detenuta legalmente insieme a 4 fucili e, continuando a minacciare la donna ha sparato qualche colpo in aria. Un gesto forte che ha portato mamma e figlie a chiedere aiuto. Così hanno telefonato ad una cugina che è subito accorsa nell’abitazione. La casa, su tre piani, ha un ingresso a piano terra e un altro al primo piano, con una porta proprio nella stanza delle ragazze. Da qui è entrata la cugina che, notando il grave stato di alterazione dello zio, ha deciso di allertare i Carabinieri della locale stazione.

Una volta sul posto, i militari hanno fatto uscire le quattro donne dal primo piano e le hanno portate in salvo. Nel frattempo l’uomo continuava a dare in escandescenza, appena ha visto i militari dell’Arma ha sparato altri colpi di pistola in aria e continuamente entrava ed usciva dall’abitazione come una furia e poi si è barricato in casa, sempre con la pistola. Frattanto sul posto sono arrivati i rinforzi, una pattuglia del Nucleo radiomobile di Sant’Agata di Militello e il comandante della locale stazione con altri militari. L’uomo era barricato in casa con la pistola e dopo un po’ di tempo è uscito dall’abitazione, i carabinieri hanno creato un diversivo riuscendo a bloccarlo cogliendolo di sorpresa alle spalle.

L’uomo è stato così arrestato in flagranza di reato. Dovrà rispondere di violenza privata, resistenza a pubblico ufficiale e porto illegale di arma da fuoco. Pur detenendo legalmente la pistola, infatti, il 58enne aveva il porto d’armi scaduto.

 

Maria Chiara Ferraù

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi